Thailandia



Thailandia

Nel lontano 1984, spinto dalla mia irrefrenabile passione per i viaggi, decisi di partire per la Thailandia.

Era il mio primo grande viaggio, il mio primo volo aereo, insomma potrei dire la mia prima volta.

Feci tutte le vaccinazioni consigliate (antimalarica, antitifica, ecc..) e sempre bene informarsi presso l’ufficio d’igiene prima di partire.

Questo viaggio, come tutti i successivi, sono stati organizzati senza prendere nessun pacchetto turistico ma solamente il volo aereo.

Resto ancora oggi dell’idea del viaggiatore fai da te, anche se non disdegno qualche comodità in più. Questa mia scelta, oltre al non indifferente risparmio economico rispetto ai viaggi organizzati, mi ha portato, negli anni, a trasformarmi lentamente da turista a viaggiatore. Le differenze tra i due approcci per visitare il mondo sono molte, ma direi che fondamentalmente per me, come viaggiatore il gusto del viaggio comincia appena esco di casa con lo zaino in spalla e la meta diventa secondaria. Per ridurre le spese al minimo decidemmo di prendere un biglietto aereo dei più economici, la compagnia di bandiera rumena (Tarom) faceva al caso nostro. Se il biglietto costava poco, poco non era il tempo che impiegammo per arrivare a Bangkok da Milano. Interminabili scali aerei e qualità del servizio a bordo (lo capii nei viaggi successivi), resero questo viaggio un’avventura indimenticabile.

L’arrivo a Bangkok fu un insieme di allegria, stupore, fascino e paura. Arrivando dall’aeroporto, trovammo da dormire in un vecchio albergo situato sopra una palestra di box thailandese. L’enorme camera a disposizione, con una ventola a soffitto che mi ricordava il film Apocalypse Now, di notte si animava con scarafaggi rossicci che uscivano da fessure del pavimento in legno e scorrazzavano tranquillamente indifferenti ai nostri tentativi di ricacciarli nelle loro tane. Dopo la seconda notte ci facemmo l’abitudine e, non dico che ci siamo affezionati a quelle bestiole ma, la loro presenza ci risultava meno sgradevole. Oltre agli innumerevoli templi che è possibile visitare, consiglio di girare per le strade di Bangkok, si avrà modo di vedere scene di vita quotidiana che sicuramente cattureranno la vostra attenzione.

Thailandia 03

Thailandia 04

Thailandia 05

Thailandia 02

Thailandia 06

Assolutamente  da non perdere  l’area del Gran Palace dove si trova il Wat Phra Kaew, ovvero Tempio del Buddha Smeraldo. Si tratta di un complesso di magnifici templi (Wat in thailandese significa tempio) collegati con le residenze dei Reali di Thailandia.

Thailandia 01
Un altro luogo sacro di Bangkok è il Wat Pho, il monastero più antico della capitale, dove si trova il tempio dedicato al Buddha sdraiato (o dormiente). Questa statua è caratteristica per le sue eccezionali dimensioni 46 metri di lunghezza e 15 di altezza.
Tra la città vecchia e la zona dei grandi alberghi si trova il Wat Traimit, tempio dedicato al Buddha d’Oro. La statua è alta 3 metri e ha un peso di oltre 5 tonnellate.

Thailandia 07

Thailandia 08

Da non perdere il mercato galleggiante, un affascinante mercato che si svolge su imbarcazioni lungo i canali della città.

Thailandia 20

Thailandia 21

1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.